AKLab.org

Since 2006

Risparmiare facendo la spesa senza abbassare (di molto?) la qualità

Ormai tutti sappiamo che molti prodotti col “marchio del supermercato” sono in realtà prodotti presso aziende blasonate e note a tutti.

Forse non tutti sappiamo però come capire chi l’ha prodotto e valutarne quindi il risparmio. L’ottimo sito “Io Leggo l’Etichetta” si propone come punto di riferimento dei consumatori e aiuta a scoprire il produttore reale.

Ritengo abbastanza ovvio che non si possano girare dieci supermercati per fare la propria spesa settimanale (il guadagno economico verrebbe annullato dal tempo perso e dalla benzina sprecata) ma credo che pianificando la propria lista degli acquisti e dando un’occhiata a “io leggo l’etichetta” si possa scegliere la catena di supermercati che detiene il maggior numero di prodotti di nostro interesse e ottimizzare gli spostamenti.

Il dubbio sulla qualità che ho messo nel titolo ha più che altro un carattere di onestà: per quanto concerne la mia esperienza la differenza qualitativa è impercettibile. Magari palati più fini possono notare piccole o grandi differenze, magari vi sono realmente per scelte produttive o quant’altro. Tutto questo però è spiegato in maniera abbastanza convincente sullo stesso sito. In parole pavore: ad un produttore non conviene stravolgere il proprio processo produttivo per creare merce “a basso costo” per terzi. Quindi ci sono ottime probabilità che il prodotto sia identico.

 

E tu cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti e condividi il post sui social!
---
Vuoi rimanere sempre aggiornato? Non perdere nessun post: iscriviti al canale Telegram e alla pagina Facebook!

, , , ,